Tutto ‘sto casino peee’ ‘sta stronzata?

Photo by Gabor Monori on Unsplash

-Vie’ qua! Faaatteee salutà!
-A Gigi… ciao…
-Abbello de Gigi! Ma li mortacci tua… ah ah… mo’ me devi raccontà…! Me vojo proprio divertì e me devi dì pure i paaarticolari. Sgancia sgancia.
-E che devo sgancià?
-Er fatterello.
-Er fatterello…? Che fatterello?
Er fatterello ‘daa scrittrice e de ‘aaa presentazione der libro.
-Ah. C’hai rraggione. ‘Aaaaa scrittrice…
-Parla parla. Che so curioso come ‘an frocio.
-Gigi…
-Eh.
-Scusa, ma… non me va…
-Non te va cosa?
-De parlà. Non me sento bene…
-Non te senti bene… ?
-Non me sento…
-…
-…
-Eeenfatti te vedo strano. Ma proprio tanto. C’hai ‘na faccia che non me piace pee niente…
-Sto male…
-Vabbè e che c’hai?
-Me fa male tutto. Qui e qua e poi qui e poi qua…
-E quo ‘ndo l’hai messo? ‘Too sei magnato, er terzo paperotto?
-Ah ah.
-Che cazzo te ridi. Parla.
-Davero, Gigi…
-E parlaaaaa t’ho detto!
-Me scoppia ‘aaa testa.
-Te scoppia ‘aaa testa?
-Me scoppia proprio.
-La vedi ‘sta mano? Mo’ tooo dico: se continui a ‘faaa o stronzo te do ‘na pizza che te faccio male male.
-Gigi e dai…
-Ma me sta pija peeer culo? Hai avuto er privilegio d ‘avvè ‘n consulente coi controcazzi come ar sottoscritto, te sei pappato ‘eee perizie en fatto de scrittori, en fatto de scrittrici, en fatto de stronzate post-moderne, en fatto de abboccamenti ‘ntellettuali e pure questo è il ringraziamento?
-Te prego, non me va, non me va… lasseme perdeee.
-Lasseme perdeee?! Mo’, adesso, vojo sapè com’è annnaataaa ‘caaaaa scrittriccce altoooolooocaaaata! Suuubbitto!
-Che devo dì, Gigi…
-Er fatterello!
-…
-…
-…
-Stai come angesù cristo, stai… me fai ‘na pena… vor dì che non t ‘a sei scooopata. E’ questo che mi stai dicendo?
-…
-…
-…
-E vabbè. Ho capito. Non t ‘a sei scooopata. Ce pooo sta.
-…
-Ma almeno, dico, te sei fatto fa er chupa chups. Almeno er chupa chups.
-…
-…
-…
-Niente chupa chups… E vabbè, allora vor dì che t’ha addrizzato ‘a torre de Pisa caaa mano magggica.
-…
-…
-…
-Niente torre de Pisa. Vabbè, vor dì che glie fatto tu ‘na spppennnellatina come se deve ar regno dei cieli. Dillo, a Gigi tuo: se bagna o nun se bagna com an lago? A che gusto ce l’ha? Dimmi. Parla.
-…
-…
-…
-Niente spennellatina. ‘Na spremutina?
-…
-Manc’aaa spremutina. ‘Na limonatina?
-…
-Manc’aaaa limonatina…
-…
-Insomma, buio totale. Er buio t-o-t-a-l-e. Robbba ‘da brividi. Roba che Waterloo al confronto era ‘na scampagnata de femminuucce.
-Che è Vaterlo?
-Vaterlo ‘aaaa pija ‘nder culo.
-Ah.
-A questo punto meee fatto venì ‘na curosità ‘nncredibile. Vojo sapè come cazzo hai fatto e soprattutto che cazzo hai fatto! VOJOOOO SAPEEEE’! SUUUBBBITTTO!
-Calmati, Gigi. Mo’ parlo.
-E parlaaaa!
-Niente. Arrivo all’pppuntamento verso eee 18 e 30-35. Tutto elegante, come an figo. Entro in questa sala grande e tutta illuminata e pulitissima. Vedo lei e ‘n cameriere.
-Er cameriere?
-‘Na fregna che non ti dico, ‘a scrittrice. Eeee’ zinne grosse così. Eeee’ cosce tentatrici. An culo che parlava tutt e linggue der monno. Materiale de primissima qualità.
-Meee spieghi ‘aaa presenza der cameriere?
-Peee ‘aaa preparazione dei piatti da magna’ e infatti, quanno so entrato io, già li stava ‘a preparà.
-A preparà i piatti? Er cameriere?
-E sì. ‘Aaa scrittrice stava preparando er tavolino pieno de libri e accanto c’era ‘n sacco de roba da magnà e c’avevo ‘na fame che non ti dico. Io però me so detto: se comincio a magnà e focaccine chiii wurstel, caaaa sarsiccia, cheeer tonno e ‘eeee pizeeelle e eeei roootooloni de carne e eee patatine e eee nocelline e ‘aaa pasta ar forno e l’ensalataaa de rissoo eccetera eccetera, me faccio notà en negativo e so cazzi.
-Ma ‘ndo se stato ‘ana sala recevimenti?
-No no. Era proprio ‘na sala de libri.
-Mo’ scommetto che c’era pure er piano bar…
-C’era c’era. C’era ‘aaa cantante, er pianista, er batterista e pure er trombettista.
-Teeeribile. Proprio ‘na cafoonata stellare. Vabbè e dopo che hai fatto?
-Faccio er finto tonto. Prendo er libro e lo sfoglio piano piano ‘caaa faccia estasiata, come me hai detto tu, portando ‘aaa mano sott’ar mento.
-Bravo bravo.
-Lei dopo un po’ me nota e s’avvicina e me chiede ‘caaa voce da mignotta “ciao, grazie per essere venuto” e io glie risponno, ovviamente in italiano, “ciao, ma figurati, sei l’autrice?”, e lei “sì sì”, e io “comunque, davvero, devo farti i complimenti, mi sembra molto interessante il tuo libro, hai talento e si nota subito che sei una ragazza profonda, una ragazza con forti sentimenti”, e lei “grazie, sì in effetti mi è costata molta fatica…” e parla e parla e parla e io glie guardo ‘e zinne parecchio de fori e dopo n’quarto d’ora sta ancora a parlà, “… sì, è un’opera frutto di un travaglio interiore e quasi magmatico, molto doloroso, straziante, perverso, indecente quasi, all’inizio non volevo mettere a nudo i miei sentimenti più intimi, quasi mi vergognavo e questo perché sono una ragazza pudica, molto pudica, poi però l’esistenza, la mia esistenza, il mio percorso esistenziale mi ha suggerito che, sì, dovevo farlo. Ed eccolo qui. Pubblicato”, e io “complimenti, vorrei comprarlo”, e lei “Prego. 20 euro”.
-20 euro??? Mortacci tua.
-Hai capito ‘bbravo.
-Mamma mia. ‘Na rapina.
-Gigi, te devo confessà che quando m’ha detto er prezzo e quando ho sganciato er bigliettone ho cominciato a sentirmi male…
-E te credo. Ma poi se pooo sapè come se chiama ‘sto libro?
-Aspetta… sì… allora… mooo ricordo… se chiama… “Baluginio di un’anima che vuole dissolversi negli anfratti della non esistenza”.
-Gesù che puttanata. Vabbè vai avanti.
-E niente. Annn certo punto smette de parlà perché se fa ‘na certa e me lascia co sttiii cazzi di dolori aooo stomaco. ‘Aaa gente arriva e se fa gli occhi ‘a guardà i piatti pieni, pieni de roba da magnà. Però giustamente non può magnà, dopo che finisce tutto se pooo’ magnà, magnà prima sarebbe ‘na cafonata.
-Enfatti.
-E allora prende posto e anch’io mi siedo in prima fila per famme vede’ da lei. Saluti. Presentazioni. Cazzi e mazzi. E io trattengo e trattengo e passano i minuti e trattengo e trattengo e non so che cazzo fare. Dolori dappertutto.
-Forse dovevi annà ar cesso.
-No no! In quel momento non era cosa de cesso! Credimi! Era tipo… convulsioni.
-Vabbè i crampi. Capita. Vai avanti.
-E niente. Annn certo punto a scrittrice prende er libro, prende er microfono e comincia a recità ‘ntensamente. Caaa passione proprio, cor piano bar che se mette a suonà en contemporanea. Prima comincia a ‘recità dolce ma dolce dolce, accompagnata dar pianoforte der pianista e caaa cantante. E io coi dolori e coi dolori, mamma che dolori. Finisce e ‘pplausi scroscianti e recomincia. Da dolce se fa violenta, se mette a gridà sempre ‘ntensamnete e parte ‘aa trombetta der trombettista. Peee creà ‘aaa tensione.
-Eeeenfatti.
-E io trattengo e trattengo e passano i minuti e trattengo e trattengo e non so che cazzo fare. Poi me renno conto…
-Che te renni conto?
-Che se tratta che devo scaricà. Ma de brutto.
-Eo sapevo.
-‘Nsomma, altri applausi scroscianti e dar trombettista se passa ar batterista caaa cantante perché da pagina 40 in poi aaa situazione se fa triste ma anche esagggitata.
-Enfaaatti.
-Lei mi vede agitato, tutto sudato, ‘na pezza bagnata e ride e apprezza e io ‘n apprezzo proprio pe niente e trattengo e trattengo e passano i minuti e trattengo e trattengo e non so che cazzo fare.
-Ma perché non sei annato ar cesso?
-E nuuuun sapevo dove stava e poi era tutto buio, non se vedeva ‘n cazzo.
-E perché non hai chiesto ar pubblico lì vicino?
-Ho chiesto ma nooo sapevano. Nessuno sapeva dov’era er cesso.
-Cazzo che situazione.
-E poi non te dico ‘aaa atmosfera. Parecchio surreale. Er pubblico, ‘aaa gente nuuun ciaa faceva più e non vedeva l’ora de magnà, de spazzolà tutto. Io pure, ma dovevo scaricà prima. Ann certo punto, finalmente, eeee esibizione finisce. Altri applausi scroscianti. ‘Aaaa luce ritorna e trattengo e trattengo e trattengo e qualcuno, non me recordo chi, dice “ora passiamo alle domande del pubblico” e io alzzo subbbito ‘a mano, voglio chiede dove sta er cesso, poi ci ripenso perché sai che figura de merda, e più pensavo ‘aaaa merda e più scendeva, e allora me so alzato e mo so messo a core dalle parti der cameriere, gli ho chiesto dov’era er cesso e me l’ha indicato, soo partito a razzo e so entrato nder cesso e me so messo a scarica’ de brutto ma proprio de brutto. ‘Na liberazione. ‘Na grandissima liberazione. ‘Na goduria.
-E poi?
-E poi… so uscito. Esco e vedo tutti che me guardano. Immobili. Caaa faccia schifata. ‘A scrittrice che piagne come ‘na fontana. ‘Na catastrofe. Penso: avrò esagerato cor volume? E allora, imbarazzatissimo, chiedo al cameriere “cameriere, ma perché mi guardano tutti? Che ho fatto?”, e il cameriere “ha avuto l’indecenza di espletare i suoi bisogni, non doveva farlo, si è sentito tutto, abbiamo sentito tutto ed è stato davvero rivoltante. Si vergogni!”, e io me so davvero dispiaciuto, non volevo proprio…
-E poi?
-E poi ho chiesto scusa a tutti e me ne so annato. Che dovevo fa?
-Sei stato en signore. Sei en signore.
-Che voi dì?
-Vojo dì… tutto ‘sto casino… peee’ ‘sta stronzata?

Andrea Costanza

A Lame Tale, ricordi nostalgici di vita vissuta

Il crowfunding per la limited edition del Blu-ray di Bronx, A Bronx Tale, è partito. Non un capolavoro, ma un signor film. Guardatelo. E scoprirete che Chazz Palminteri, coadiuvato dalla regia di De Niro, qui al suo esordio dietro la macchina da presa, aveva adattato alla grande la sua bellissima pièce teatrale. Un lavoro coi fiocchi, per un film delicatamente educativo, sgangheratamente formativo, insomma, una storia narrata con gusto e dall’ottimo sapore cinematografico. E che classe nella messa in scena, misurata e sapientemente calibrata.

Ogni quartiere ha la sua storia. E io sto qua, stamattina. Come Lillo Brancato del film di De Niro a tagliarmi la barba, attento a non ferirmi. Ma questa lametta fa i dispetti e un po’ di sangue mi cola dalle guance. Che mi dice oggi lo specchio? Di guardarmi dentro e narrarvi delle mie balzane, discole avventure avvenute anni fa quando qui, nel quartiere Lame di Bologna, si respirava il profumo dei giorni autenticamente migliori e la vita ti sapeva riservare sorprese?

Ora, questo quartiere è stato sopraffatto da una triste modernità e la gente cammina con gli iPhone in mano. Attraversano tutti senza guardare mentre, ai miei tempi, la gente stava attenta a dove metteva i piedi. Oggi le persone sanno solo scattarsi selfie mentre una macchina sulle strisce pedonali le mette sotto e così la foto viene un po’ mossa, diciamo.

Ecco, era un periodo cazzuto quello di cui vi parlo.

Se eri minorenne e camminavi per queste strade, qualche balordo poteva attentare alla tua incolumità virginale. Alludeva sempre alla tua sessualità e, con far strafottente, la umiliava, coprendoti dei tipici insulti di quell’età.

– Ehi, lo sai che sei una checca?
– Vaffanculo.
– Ah sì? Allora fatti sotto! Ecco che te ne arriva una. E un’altra!

Sì, spedii vari ragazzi al traumatologico per colpa di quelle infauste insinuazioni. Io me la cavai col viso gonfio e con le nocche fratturate, ma erano risse che odoravano di uomini “veri”, da teste di cazzoni qual eravamo noi tutti.

A dodici anni, ogni mattina, come un orologio svizzero, puntualissimo mi appostavo alla fermata dell’autobus, aspettando appunto che arrivasse l’autobus che mi portava alla mia scuola media. Era il 18. È rimasto quello, credo. E lo prendono anche quelli che, non solo hanno già compiuto diciott’anni, ma anche quelli che hanno già un piede nella tomba.

Vicino a quella fermata, c’era e c’è ancora il Bar Jolly e un mio amico, che come me aspettava l’autobus, prima di salirvi, vi si recava perché al Bar Jolly gli infarcissero il panino alla mortadella che lui avrebbe mangiato nella ricreazione scolastica. Quel mio amico oggi fa l’imbianchino e adora il libro di Charles Bukowski, Panino al prosciutto.

Panino al prosciutto racconta il primo periodo della vita di Bukowski-Chinaski, nonché dell’ingresso nella nota vita randagia e pericolosa tra stanze in affitto, risse, birre, vino e whisky.

Ecco, insomma quel mio amico, si capisce bene, non è diventato un industriale. Al massimo, ora imbianca le pareti di qualche pezzo grosso, mangiando panini al salame piccante tra un’affrescata e i suoi “rinfreschi” nelle pause pranzo. Comunque non è mai finito al fresco.

In quella fermata, avvistavo lo scemo del villaggio. Ogni quartiere ne ha uno. Questo qui prendeva sempre l’autobus come Forrest Gump, ligio e maniaco della puntualità, e salutava tutti, dando loro un gentilissimo “buondì, felice vita!”, anche se quel giorno una di queste persone era rimasta a casa con la febbre.

Sì, lui salutava anche i fantasmi e gli ammalati, gli stronzi e i criminali. Tutti, senz’eccezione alcuna. E si congratulava per le loro vite, belle od orrende che fossero. Quest’uomo esiste ancora, non è ancora morto, ed è sempre allegro come una volta. Sì, gli altri aspettano l’autobus per tirare a campare, lui ha perso il treno dalla nascita, ma gironzola a piede libero alla faccia dei fessi che si fanno il culo ogni santo giorno che Dio ha creato.

La morale del film Bronx, come scritto nel dizionario dei film Morandini, è questa: i veri uomini duri sono quei coglioni che vanno a lavorare.

– Buon uomo, dove va stamattina, così presto?

E lui risponde, con sorriso affabile:

– Vado nel mio mondo e dove mi porta il cuore.

Oh, che vi devo dire? Sarà uno scemo molto ricco per potersi permettere di andare solo ed esclusivamente dove vuole lui da quarant’anni a ’sta parte.

Però è un uomo talmente buono e tenero che nessuno l’ha mai mandato a fanculo.

Nel mio quartiere, ci sono anche le ragazze. Mi pare ovvio. Altrimenti sarebbe un quartiere moscio, uno di quei quartiere che, come si suol dire, non tira… molto.

Ecco, se ti piace una donna e vuoi immediatamente capire se è la ragazza giusta, non regalarle un mazzo di rose rosse, regalale un quartiere migliore. Ti sposerà subito.

Che poi, forse, non gli andresti bene lo stesso.

– Sì, caro. Abitiamo nel Borgato San Donato, la zona migliore di Bologna. Ma io sognavo Hollywood, la piscina a Beverly Hills e ho sempre desiderato girare un film con De Niro. Volevo essere come Sharon Stone.
– Come quella di Casinò?
– Quel film mi manca. Lei com’è in quel film?
– Ah, bellissima, al top del suo splendore ma non è che finisca, diciamo, benissimo.
– Meglio che una vita in questo cesso di città di merda.

Ho detto tutto. Una così non credo sia la ragazza dei sogni. Incontentabile, frustrata, viziata, però ama farsi le “storie” su Instagram, con le orecchie da coniglietta di Playboy.

Io, come Lillo Brancato, appena presi la patente, incominciai a guidare una “sfavillante” macchina rossa. Sì, un Pandino. Decappottabile, nel senso che, se prendevi male una curva, ti cappottavi di brutto.

E non c’era neanche l’airbag.

A dire il vero, non è che questo quartiere sia poi cambiato molto da allora. La gente va a fare la spesa, penso che qualche volta trombi, sì, ogni anno vedo nuovi neonati che spuntano, e poi muore. Nel frattempo, guarda qualche film alla tv.

Ricordatevi: la cosa più triste, nella vita, è il talento sprecato.

E io allora perché continuo a vivere in questo quartiere?

Ma questa è un’altra storia.

E comunque il mio quartiere, in confronto al Bronx, è roba da signori.

Eh sì, mentre pensavo al mio quartiere, il quartiere Lame, ho finito di tagliarmi la barba. Ma, al solito, mi son tagliato.

Sono un uomo tagliente.

Stefano Falotico

 

 

Il vuoto baraccone dell’UE e il declino dell’Occidente

Le persone perbene e sagge e responsabili e civili e laureate e benestanti che hanno a cuore il futuro di un’Europa forte, solida e con sani principi, sentenziano: viviamo in Occidente e l’Unione Europea, che non si trova su Mordor ma proprio in Occidente, è la nostra casa ed è la casa di tutti, di tutti tutti tutti, al cui interno i popoli vivono, soggiornano, viaggiano, si immedesimano gli uni con gli altri perché una è la famiglia ed è quella europea accomunata dai Valori, quei Valori, sì proprio quelli: i Valori.

Chi non la pensa così, chi non si trova bene, chi storce il naso, chi si fa prendere dai dubbi, beh, è incivile e brutto e sporco e non capisce niente e siccome non capisce niente è un populista, populista!, ossia un energumeno coi pidocchi e con l’anello al naso.

Noi, dicono ancora le persone perbene e sagge e responsabili e civili e laureate e benestanti, abbiamo il nostro fiore all’occhiello, ovvero il programma Erasmus, attraverso cui i gggiovani europei fanno “dell’interscambio culturale” una ragione di vita e un modello da seguire. La sentite questa brezza di fiori di lillà? Volete mettere? Come farebbero senza l’Erasmus questi giovani di grande avvenire a respirare a pieni polmoni tale arietta floreale di civiltà e di apertura e di integrazione e dunque d’Europa?

Uno spagnolo, ad esempio, è uno spagnolo ma è anche formalmente un cittadino europeo. Perché la Spagna fa parte dell’Unione Europea. Perché lo dicono le carte, i trattati. Ma non solo. Un giovane spagnolo meritevole, che viene qui in Italia spesato dall’UE, dopo sei o dodici mesi passati a studiare con viva e vibrante soddissffazzione per il suo grande e luminoso avvenire abbracciando gli usi e i costumi del paese ospitante (e non, per carità di Dio!, a spassarsela come un mandrillo sperando, ehm ehm, nelle aperture delle passere autoctone sperando che gliela diano), ritornerà in Spagna per forza di cose, in fondo, un po’ italiano diventando un cittadino europeo anche de facto.

L’esempio ovviamente può essere invertito partendo da casa nostra. Ora, ve lo immaginate un giovane italiano, un barese o un foggiano o un leccese per dire, che già di suo non si sente né barese, né foggiano, né leccese, né pugliese, né italiano, sentirsi di ritorno, chessò, dalla Romania un po’ rumeno, dalla Polonia un po’ polacco, dall’Ungheria un po’ ungherese, dalla Slovacchia un po’ slovacco, dall’Estonia un po’ estone? Me lo immagino. Ragion per cui anche lui si sentirà un po’ cittadino europeo e poi, man mano, pensandoci ancora su, cittadino europeo lo diventerà e pure convintamente.

La propaganda, che della retorica imperante si serve, ha raggiunto livelli talmente grotteschi di malafede e di faziosità da risultare comica. Se ne inventano una più del diavolo gli apparati culturali di regime, e con loro gli allocchi e i fessi, pur di giustificare nella fattispecie l’esistenza di questo baraccone pieno di niente che prende il nome di UE. Di quale Unione Europea parliamo quando ci si spella le mani dagli applausi glorificandone l’esistenza? Quella “dell’interscambio culturale” e dell’effettiva appartenenza ad una casa e ad una causa e ad una visione comune o a quella della libera e liberissima circolazione del denaro e delle merci affinché gli affari possano prosperare più di prima? Di quale Unione Europea parliamo? Quella davvero dei popoli uniti e pertanto felicemente accasati col cuore tinto di blu e con le stelline appiccicate o quella del baraccone burocratico fatto di istituzioni e organismi e agenzie il più delle volte autoreferenziale e privo di legittimazione democratica? O quella dei padroni delle ferriere, appunto dei businessman con la loro calcolatrice in mano, con le loro partite doppie e con i loro profitti da perseguire?

Quali sono questi valori che tuttora ci dovrebbero far sentire cittadini europei? I valori sono dei coefficienti sociali con cui un’aggregazione di persone cerca di convivere assieme perché alla loro obbedienza ci crede. A cosa crediamo, noi europei e occidentali?

Tralasciando le grandi narrazioni ideologiche relativamente recenti e di cui ci siamo disfatti, per secoli c’è stato un filo conduttore che, bello o brutto, legava noi occidentali e noi europei. Si può riassumere in una parola: Cristianesimo. Come ci dice Umberto Galimberti, “l’Occidente di cristiano non ha solo le radici, ma il tronco, i rami, le foglie, i frutti, tutto è cristiano in Occidente”. Tuttavia Friedrich Nietzsche ci aveva avvisato che Dio è morto ed è morto innanzitutto nella coscienza dell’uomo e della donna occidentale. Nella sua “Gaia Scienza” così si esprime in merito: “Dove se n’è andato Dio? – gridò – ve lo voglio dire! Siamo stati noi ad ucciderlo: voi e io! Siamo noi tutti i suoi assassini! Ma come abbiamo fatto questo? […] Dello strepito che fanno i becchini mentre seppelliscono Dio, non udiamo dunque nulla? Non fiutiamo ancora il lezzo della divina putrefazione? Anche gli dèi si decompongono! Dio è morto! Dio resta morto! E noi lo abbiamo ucciso! Come ci consoleremo noi, gli assassini di tutti gli assassini? Quanto di più sacro e di più possente il mondo possedeva fino ad oggi, si è dissanguato sotto i nostri coltelli; chi detergerà da noi questo sangue? Con quale acqua potremmo noi lavarci? Quali riti espiatòri, quali giochi sacri dovremo noi inventare? Non è troppo grande, per noi, la grandezza di questa azione?”.

Dio l’abbiamo ucciso e con lui il senso del Sacro e della trascendenza e lo abbiamo sostituito con un altro; ovvero col Dio Denaro. L’Occidente è in declino non solo perché la sua economia va e continuerà ad andare a rotoli, ma anche perché ha perso i suoi punti di riferimento valoriali in cui credere e a cui aggrapparsi. Non crediamo a niente, noi europei e noi occidentali del XXI secolo. La verità è questa. Tuttora quel che ci lega davvero è proprio quell’approccio meramente mercantile alle cui logiche è prona la nostra stessa coscienza. Viviamo all’interno di una società atomizzata e dunque contraddistinta dalla presenza di individui isolati, estranei gli uni con gli altri, che fanno riferimento al loro agire riconoscendo come valido il pronome “io” anziché il “noi”. Con questi presupposti non si può invocare l’esistenza di una società giusta e di un’appartenenza comune retta da valori forti e degna di questa nome. Perché non esiste o, se esiste, è destinata inesorabilmente a crollare a causa della sua endemica fragilità.

Andrea Costanza

Sempre fiji de ‘na mignotta sono

-Ma è bona, almeno?
-Bonissima. Credimi. E’ bonissima.
-Ottimo.
-Ma sei sicuro che funziona?
-Vai tranquillo.
-Dici?
-Te dico di sì. Gli scrittori so fatti così. Le scrittrici so fatte così.
-E come so fatti?
-Come ar cazzo.
-In che senso come ar cazzo?
-Ma lascia stare. Piuttosto, a che ora comincia ‘sta kermesse oceanica?
-Ae 19. Perché dici oceanica? Ci sarà tanta gente?
-Macché. Te stavo prendendo in giro. Ah ah.
-Ah ah. Sei proprio ‘no stronzo.
-‘Na presentazione de libri è fatta così. Amici. Parenti. Morti de fica come te. Truppe cammellate, ecco. Quattro gatti. Arrivano a cinque o sei, se questa ci sa fare. Nel senso delle public relations. So importanti, le relations. Cazzo se so importanti. E’ importante intrallazzare. Conoscere. Infilarsi in certe truppe che puzzano de trippa. Dare un colpo al cerchio e l’altro alla botte e curare il mondo, dico dei social, con cazzi e mazzi. E questo vale ‘pe i femmine e ‘pe i maschi. Scrittori e scrittrici. Sempre fiji de ‘na mignotta sono. Puoi essere anche ‘o scrittore più bravo der monno, ma se ti non sai mostrare, se non te sai venne, se non hai un bel viso e se non capisci nulla de promozione e se non riesci a costruirti en personaggio montato ad arte e che tira, non sei ‘nn cazzo. Questo perché ‘eee persone non capiscono ‘n cazzo. Parlo der pubblico. Non esiste, er pubblico. ‘Eee persone non hanno gusti personali e sinceri e indipendenti. Fanno finta di averli. So gusti eterodiretti, fabbricati negli uffici marketing. ‘Aaa poesia. ‘Aaaa letteratura. L’arte. E’ morto tutto.
-Gigi.
-Che vvvoi?
-Altro che cerchio e ‘na botta. A questa gliene voglio dà due, de botte.
-E tu ascolta Gigi tuo. Sto qua per questo.
-Vai, Gigi! Vai! T’ascolto!
-Punto primo. Che è un po’ ‘na zozzeria.
-‘Annammo bene…
-Sarà ‘na una gran rottura de cojoni.
-‘Aa presentazione?
-‘Aa presentazione.
-Davero?
-Davero.
-Da 0 a 10?
-10.
-Cazzo.
-‘An certo punto questa prenderà er microfono e comincerà a parlà del libro suo, immagino la solita robetta intimista. E poi della su vita e di quant’è profonda la sua anima, di quant’è piena di dolore e di sofferenza e di patimenti, la sua anima. E io so ribelle. E io so ‘n artista. E io so ‘n autrice. E io provo. E io sento. E io faccio. E io vorrei. E io credo. E io e io e io e io e io. Tutte cazzate. Te ‘o dico io: questi so dei fregnacciari. So dei gran zozzoni e lo sono di più perché dicono ‘n sacco de stronzate e quando ‘e dicono ce credono pure. Se credono pure d ‘esse autori di un certo livello. Maschi e femmine. Scrittori e scrittrici. Sempre fiji de ‘na mignotta sono.
-…
-Ma te pare che ‘n anima ribelle, ‘n anima sofferente, piena de patimenti, se fa er selfie col libro e co ‘e zinne de fori? E te pare che ‘n artista se mette ‘a parla dei suoi cazzi con ‘sta faccia godereccia e da furbetto de provincia? Ma dai. So tutti belli e bravi e buoni e invece so dei miserabili, i più miserabili de tutti perché se mettono pure a pontifica’, a fa i moralisti, a fa i superiori su a cattedrina. Loro so i più individualisti, i più menefreghisti, i più egoisti, i più gretti, i più presuntuosi e se scannano pure a vicenda! Merde. Delle merde vere. Venderebbero l’anima al demonio per ‘na recensione, per ‘n attestato de stima e roba del genere. Basta ‘n complimento, un nonnulla de complimento, che se bagnano. E’ tutto ‘n teatrino. E’ tutta ‘na esibizione. Hai capito?
-Me se po’ sape’ che cazzo succede dopo?
-Ma niente. C’è il moderatore o la moderatrice che fa finta de colloquia’. Le fa delle domande sul libro che ha scritto. A nessuno, lì, frega ‘n cazzo, del libro. Ma proprio niente. Dopo ‘na ventina de minuti, calano le palpebre e dormono tutti. Aspettando ‘e focaccine e ‘a birretta.
-Perché? Se magna e se beve pure?
-Non è detto. Però, sì, capita. Comunque ‘nnamo avanti. A che ora comincia ‘a presentazione del libro?
-Ae 19.
-Ok. Passiamo al punto seconno. Innanzitutto vai lì verso ‘e 18 e 40. Vestiti bene. Anche ‘o stile finto squattrinato po’ anna’. Garbato. Aria da intellettuale autorevole. Vedrai lei impegnata a sistemare gli ultimi dettagli. Come stesse preparando er cenone di fine anno. Tu, però, me raccomanno: fai er finto tonto. Nonchalance.
-”Nonscialans..”.
-Ma che fai?
-Prendo appunti.
-Ascolta prima, ‘a stronzo.
-Va bene.
-Allora, sempre con nonchalance prendi un suo libro sul quel tavolino lì. Ce ne dovrebbero essere diversi, sul tavolino, su quei tavolini tipo parrocchietta coi foglietti e fogliettini. Tu sfoglia. Non i fogliettini.
-Er libro, er libro.
-Bravo. Er libro. Fai finta de leggerlo e annuisci e annuisci e annuisci ancora e poi, me raccomanno, essenziale, veramente essenziale, porta ‘a mano sur mento però ‘caaa faccia estasiata. Famme ‘na faccia estasiata.
-…
-…
-… ‘Na faccia estasiata. Sai che vor dì, estasiata? Come a dire: cazzo, ‘sto libro è proprio ‘na bomba. Riprova.
-…
-…
-…
-Hai proprio ‘na faccia de merda, altro che estasiata.
-Gigi. E dai. Non me riesce.
-Vabbè, non te riesce. L’importante è che lo compri. Lo devi compra’, il libro.
-Pure?
-Embè oh. Se no te tratta pe pezzente e non me sembra giusto.
-E poi?
-Avvicinati a lei. Me raccomanno, signorile e non come ‘n coatto buzzicone. Me raccomanno. Ti presenti. Dille che hai cominciato a leggere il suo libro e te piace ‘na cifra. Domandale quanto costa e compralo. Sempre ‘caaa faccia estasiata.
-Ok ok ok ok ok.
-Quindi, riepilogando: vai lì come ‘an pupo intellettuale, prendi il libro, sfoglialo, complimenti ammannetta e compralo. Vedrai che te prenderà subito in simpatia. Punto tre e ho finito: alla presentazione non te addormenta’.
-Ok ok ok ok.
-Finita ‘a presentazione, vai da lei e recomincia ad attaccar bottone. Con discrezione. Con finezza. Come ‘an signore. Dopodiché se ‘so rose, fioriranno.
-E se non fioriscono?
-T’attacchi ar cazzo.

Andrea Costanza

Io, Colino, Schopenhauer e i calzoni corti e cortissimi

-E comunque mi dia pure del tu.
-Ve lo potete scordare!!!
-Shhhh…
-Sono stufo ed esausto da cotanta impertinenza vostra e pertanto rifiuto categoricamente l’offerta inviatami!
-Shhhh… faccia silenzio…
-Solo allorquando finirà questa terribile sventura, se proprio ci tenete vi saluterò stringendovi la mano e dandovi del tu! Parlate! Lumi! Chiedo lumi! Ora!

Con forza e ritmicamente sbatte sul pavimento il suo bastone a suon di “o-ra! o-ra! o-ra! o-ra!” e giù al piano di sotto c’è gente che dorme, vorrei tanto dormire anch’io e però, no, non ci riesco.

Se continua così sveglia tutto il condominio ed io non glielo posso permettere.

E allora tenendo il mio tono di voce il più possibile basso provo a farlo riflettere, la qual cosa dovrebbe essere non particolarmente complicata per un tipo come lui, per un tipo che prende il nome di Arthur Schopenhauer. Ma tant’è.

-Shhhhhh! Non lo faccia, signor Arthur!
-Andate al diavolo!
-Al piano di sotto c’è Colino che dorme! E poi c’è il condominio, se i condomini si svegliano diventa un grosso problema! Si calmi!
-Non me ne curo di Colino e del vostro stabile e del condominio del mondo! Il mondo! Il mondo è un condominio tra la malvagità e la pazzia ed io non me ne curo!
-Signor Arthur, per cortesia!…
-La smetto solo se mi rivelate il motivo per cui continuo a trovarmi qui con voi! Parlateee!
-Shhhhhhhhh…signor Arthur!
-Datemi una spiegazione, perdio!
-Non riesco a dormire.
-Voi non dormite!?
-No. Non dormo.
-Ed io che c’entro? Di grazia! I vostri problemi d’insonnia son vostri e rimangono vostri!
-Abbassi la voce…
-Voi non dormite! Ah ah! Che amabile spiegazione!
-Shhhh…
-Vi sembra una ragione sufficiente, questa? Voi non dormite e io debbo esistere in questa stamberga puzzolente di urina mista a cianfrusaglie della peggior specie?
-Signor Arthur, per cortesia, glielo ripeto per l’ennesima volta, la smetta di gridare! Sono le 3 del mattino!
-Ne ho ben donde!

Con forza e ritmicamente ricomincia a sbattere sul pavimento il suo bastone stavolta a suon di “don-de! don-de! don-de! don-de!” e giù al piano di sotto c’è Colino che dorme. In questo momento, ai miei occhi assonnati, sembra tutto meno che un illustre filosofo, il signor Arthur Schopenhauer. Tra l’altro uno dei più illustri che la storia dell’umanità abbia mai potuto vantare e però, ripeto, di fronte a me non vedo il filosofo ma l’uomo, un uomo nevrotico e particolarmente capriccioso con la parlantina d’antan, certo, ma pur sempre un uomo e un anziano fra tanti.

Mi ci costringe.
Non posso fare altro che impormi malamente.
Lancio un grido e bam!, sbatto il pugno sul tavolo come un fulmine seguito dal relativo tuono bombarolo.
Il tutto sincronizzato con l’epiteto “Cristo di un Dio!!!”

-Cristo di un Dio!!! Abbassi la voce!!!

Fulmine, tuono e “Cristo di un Dio!!!”, al “Cristo di un Dio!!!” le spalle del signor Arthur saltano dallo spavento.

Si calma.

E Colino, il barese d’acciaio, si sveglia.

Maledizione.

-Ooooohhh! (ma che diamine! ndr) Ma ccciiièèèèèèè stuuuu cazz d caaaasin?! (da dove proviene questo terribile chiasso?! ndr) La vue ferneeeeessssscccccc?! (vorresti smetterla?! ndr) S n la ferneeeessssccccc tiaaa spaaacccca u palloon! (smettila, perché in caso contrario verrò lì per farti male alla testa! ndr)

Comunicazioni terminate.

Attimo di silenzio.

Spiacevole oltreché imbarazzante.

Ricomincio, moderatamente e sommessamente, a parlargli. Io guardo lui e lui guarda me proprio come un bimbo a cui gli si sono rimproverate le marachelle.

-Lei deve pur capire la mia situazione.
-…
-Lei di mattina a casa mia può fare tutto il casino che vuole, lei è Arthur Schopenhauer, io sono un suo grande estimatore, ma d’altronde vivo in un condominio e sarà anche abitato, e concordo con lei, dalla malvagità e dalla pazzia, però, ecco, se li si sveglia alle 3 del mattino i pazzi e i malvagi diventano ancora più pazzi e malvagi. Penso che abbia un senso il mio discorso. No?
-…
-Mi risponda. Ha un senso?
-Ha un senso.
-Bene. Ora speriamo che si sia riaddormentato, Colino. Quello è uno spaccaculi di prima categoria. Con Colino non bisogna scherzare.

Sbuffo.

Sbadiglio.

-Desidera una birra?
-Orsù, datemi la birra.

Ne prendo due dal frigo e le stappo e ritornando a sedermi noto che il signor Arthur mi guarda con l’aria disgustata e con le braccia conserte.

-Che spettacolo immondo… voi siete uno svergognato.
-Di che parla?
-I vostri calzoni. Ve ne prego, vestitevi. Abbiate pietà di me. Fate pietà col torso nudo e con le spalle nude e con le braccia nude e coi piedi nudi e con quei calzoni.
-Mi dispiace e le chiedo scusa signor Arthur ma fa caldo, molto caldo. E poi non sono tanto corti i miei boxer, io non so come lei faccia a stare con quel pastrano addosso e pure col panciotto, a guardare quel panciotto mi squaglio. Non le fa caldo?
-Abbastanza. Ma resisto. Stoicamente. E tuttavia sono del parere che quei calzoni sono corti e cortissimi, oltremodo impudichi.
-Impudichi? Questi? Ma signor Arthur… dice questo perché non ha visto gli altri calzoni. Questi qui mi arrivano solo alle ginocchia, mi creda, questi sono nulla al confronto degli altri calzoni corti e cortissimi. Voglio dire, non ha visto gli slip e i perizoma e i tanga e le culottes e i boxer aderenti e anche quelli aderentissimi che ti triturano le palle.
-Le palle? Parlate dei testicoli?
-Sì. I testicoli. E però soprattutto in estate, sulle spiagge e in giro e dappertutto, la gente guarda e apprezza.
-Guarda…
-Sì.
-E apprezza…
-Sì sì.
-Voi mi state dicendo che gli esseri umani del vostro tempo, specie quando fa caldo, “sulle spiagge e in giro e dappertutto” come dite voi, vanno girando con quasi nulla addosso, immagino, per compiacere se stessi? E’ questo che mi state dicendo?
-Sì.
-E ditemi, tale aberrante usanza, sebbene umana, troppo umana, riguarda solo i maschi o altresì per le femmine?
-Vale altresì per le femmine.
-Certo certo. Eh. Ah. Ah ah. Capisco capisco… e ditemi, che secolo è mai questo?
-XXI.

Le birre fredde scivolano via e il signor Arthur, asciugandosi la bocca con la mano, gradisce non poco.

-Di male in peggio. A sentir ciò, posso solo immaginare il grado di decadenza a cui la società occidentale è giunta.
-Occidentale e mettiamoci anche mondiale.
-Mondiale? E l’Oriente e la filosofia indiana dei Veda e le Upanisad e il buddismo di cui sono un profondo e sincerissimo estimatore?
-Se ne parla, cioè… formalmente, così… voglio dire… sono delle mode più che altro… tipo yoga e puttanate varie.
-Mode?! Alla pari dei calzoni corti e cortissimi?
-Beh, sì…
-Ciò significa che anche l’Oriente è perso, è stato raso tutto al suolo!
-Abbassi la voce!
-Scusate. In ogni modo, a questo punto del tragitto, essendo voi un sadico tentatore mandatomi da Belzebù in persona, siete riuscito ad indurmi alla riflessione intorno al discorso sui calzoni corti e cortissimi in voga nel vostro tempo. Ora, vado immaginando che tale questione si presenti come raffigurazione, volgare e miserrima e tuttavia emblematica, rispetto ad una una vita filistea tutta protesa verso l’opinione altrui. Vanità! Anche in questo mondo tutto ruota intorno alla vanità! Specie in questo mondo, nel mondo del XXI secolo! Ah! Nella misura in cui “ciò che rappresentiamo, o, in altri termini, la nostra esistenza nell’opinione altrui è generalmente, in conseguenza di una debolezza particolare della nostra natura, troppo apprezzata, benché la più piccola riflessione possa insegnarci che tutto questo per sé stesso non ha importanza alcuna per la nostra felicità. Sicché si dura fatica a spiegarsi la grande soddisfazione interna che prova un uomo quando s’accorge d’una prova di stima datagli dagli altri, e quando viene lusingata la sua vanità, non ne importa il come” (“Aforismi sulla saggezza della vita”). Nella fattispecie vado immaginando maschi che, coi loro calzoni corti e cortissimi, si prodigano nell’esporre le rispettive verghe allo scopo di destar piacimento e maraviglia al cospetto della stima lasciva delle femmine, le quali femmine, pur di accoppiarsi, si comportano parimenti all’indirizzo del maschio rincitrullito soggiacendo a codeste usanze nella medesima maniera, anzi peggio. Le immagino, le cagne senza ritegno e senza pudore. Le immagino!
-Non le chiami così. Ci sono lettrici donne che possono prenderla a male.
-E sia!
-Shhhhhh! Abbassi la voce!
-Dite a costoro che vado sostenendo il vero poiché non mi chiamo Colino bensì Arthur Schopenhauer!
-La voce, cazzo!
-La verga, per l’appunto! Immagino i loro deretani lussuriosi e i loro floridi cocomeri in bella mostra come ad un fiera, ad una mostra mercantile, al preciso scopo di rinforzare l’idea e l’opinione e dunque la rappresentazione che di loro hanno i maschi col testone a forma di glande! Vanità! Solo vanità! Che squallore!

Le birre sono finite e il signor Arthur ricomincia a sbattere con forza e ritmicamente il suo bastone sul pavimento stavolta a suon di “squal-lo-re!”, “squal-lo-re!”, “squal-lo-re!”.

-Ooooooooooh! (ma che diamine!) L murt dchi ttemmurt! (i morti tuoi e dei tuoi antenati! ndr) Facc d’ciol! (hai una faccia a forma di verga!) Vilacchion! (sei una persona vile! Ndr) Mooo iiieee moo, sooo’ caaaapit, moooo adaaaver aivnni daaa’ e ti iaa spacca’ un palloon! (è giunto il momento propizio, ho deciso, tra pochissimo verrò lì da te per farti molto male alla testa! ndr)

Colino il barese d’acciaio.

Si è svegliato.

Di nuovo.

Andrea Costanza

 

 

C’est la vie

Photo by Alex Knight on Unsplash

È sabato sera. Peregrino lungo questa città desertica, il caldo sta frantumando la mia pazienza e devo andare a bere qualcosa di fresco per rigenerarmi. Un’afa davvero strozzante mi sta spaccando i polmoni. Non riesco a respirare.

Eccolo lì, il bar ristorante di quei due fratelli che dal 1923 han messo su questa sorta di casolare rustico che troneggia in piena periferia. A ovest di Bologna. O a est? Ah, non mi ricordo. Guardo le stelle, vediamo se la stella polare m’indica il nord, così posso orientarmi. Macché, è nuvoloso. Nuvoloso ma incessantemente fa caldo, da morire. Ah, necessito di refrigerio, altrimenti diventerò isterico. Eccomi arrivato finalmente. Strano, il parcheggio è tutto vuoto e nel locale non v’è anima viva. Forse è presto, non lo so, e dire che son già le dieci di sera, sopraggiungeranno come al solito più tardi. Meglio così.

– Ehi, bello. Dammi da bere.
– Buonasera, signore. Cosa desidera?
– Una fanta. Ficcaci del ghiaccio.
– Mi dia solo un minuto.
– Come mai ancora qui non c’è nessuno?
– Attenda ancora una mezz’oretta e vedrà che movida, che movimento eccitante. Vedrà.
– Questo lo so. Ma di solito il locale, a quest’ora, è già affollato.
– Saranno andati a vedere la partita di basket. Qua vicino all’Unipol Arena.
– L’ex PalaMalaguti.
– Sì, insomma l’arena più famosa di Bologna.
– Invero è di Casalecchio.
– Va be’, lei è un tipo, oltre che strano, molto difficile, sa?
– Le difficoltà sono il sale della vita e, innanzitutto, prima di rendere la vita complicata al prossimo, dobbiamo complicarcela noi. Perché solo nelle asperità e nei tragitti esistenziali tortuosi si può discendere, dunque ascendere alla felicità. Intendi?
– …
– Che poi la felicità è illusoria, non esiste, se non a tragitti, no, volevo dire a tratti. Siamo in fondo, chi più chi meno, tutti dei ratti. Dei topini nell’universo, ficcati nelle nostre casine e, qualche volta, quando abbiamo fame di vita, andiamo fuori con qualche amichetta… Meglio se una topolona. Ah ah.
– …

Fumo una sigaretta, poi due, anche tre. C’è scritto VIETATO FUMARE, ma me ne frego. D’altronde, solo i fumatori sanno che aspirare è sinonimo di nervosismo, e il nervosismo ci rende reattivi, sempre svegli in questo mondo di poveri addormentati. Evviva i fumatori, che Dio li abbia in gloria.

Oh, ecco… ci siamo. Comincia a entrare qualcuno. Insomma, un po’ di mossa in questo locale.

Un’allegra combriccola di vecchiette con mariti pensionati al seguito.

-Buonasera, signora.
-Buonasera.
-Come vanno gli occhi? È andata a operarsi di cataratta?
-Come si permette? Screanzato! Villano!
– Si sa, le cataratte sono la bestia nera delle donne nella vecchiaia. L’importante è avere sempre carattere, anche quando si è oramai delle cariatidi. Complimenti peraltro, signora, per i suoi denti nuovi. Laccati d’oro a diciotto carati. Quanto è cara, lei!
– Si vergogni.
– Ah, lei è troppo permalosa. Deve prendere maggiore confidenza con la sua età e non dolersene. Invecchiamo tutti. Sa, parlo anche per me, metto le mani avanti. Un giorno sarò sdentato e ci vedrò pochissimo. Non se la prenda, signora, è il normale ciclo vitale nella sua parabola discendente. La vita è come un gambero, giunti alla vecchiaia si regredisce e si cammina all’indietro, contemplando le proprie memorie nostalgiche. Poi, un bagnetto al mare, un po’ di sole per ritemprare la pelle raggrinzita e un programmino alla tv per meglio appisolarsi, aspettando la fine. C’est la vie!
– Cara, lascialo stare. Non ti arrabbiare. Non vedi che non è a posto? – interviene il marito di lei.
– Come? Non sono a posto? Io sto a postissimo, perfino molto composto, qui tranquillamente seduto. Voi invece, un po’ rintronati, siete nell’animo tristemente sedati. Suvvia, scherziamoci sopra. Che c’è di male?
– Che maleducato! Che bifolco! Dico… come fa certa gente ad andare in giro? Fosse per me, tipi così, li arderei vivi.
– Vede? Lei è anche accidioso e piromane. La vecchiaia, eh sì, è pericolosa. Ci si prende troppo sul serio e si perde l’autenticità goliardica del sano divertimento burlesco. Ah, quanto mi dispiace. In cuor mio, mi auguro di non rincoglionirmi mai. Ma, se non morirò prima, ahimè avverrà. Ahia! Che disdetta la canizie dell’anima.
– Calvizie! Ignorante!
– Sì, a parte il fatto che, invecchiando, si perdono i capelli, i capelli con l’incanutimento diventano anche bianchi. Ah, un tempo eravate scalatori ambiziosi dei sogni temerari, dei coraggiosi, spericolati alpini, ora siete solo degli scialbi e vacui albini. E odiate tutti.
– Ah, ma lei è pazzo!
– Chissà, se lo dice lei che è rimbambito, forse lo siamo entrambi. L’ardore selvaggio e dolce della giovinezza c’induce a credere romanticamente al passionale amore, il rancore della senescenza ci conduce via via invece verso l’inevitabile, inconsolabile deficienza.

Ah, ecco che arrivano dei giovani. Oh, questi sono ricchi. Eh sì. Vestono Armani. Stanno scendendo dalle loro Mercedes. Oh, al loro fianco delle stangone. Che gambe, che stacco di cosce, ah, povere polle…

– Buonasera, cari, anzi carissimi.
– Scusi, ci conosciamo?
– No, ma voglio conoscervi. Permettete che mi presenti. Sono un uomo anomalo. Voi invece siete uomini ordinari? Cosa ordinerete?
– Ah, lei più che anomalo è fuori di testa.
– Come tutti. E dire che io volevo scambiare soltanto quattro chiacchiere. Vi offro io da bere. D’altronde, i vostri soldoni dovete risparmiarli, se no la vita va a puttane. Sapete, tutto quest’edonismo vi condurrà alla perdizione e alla corruzione. Ora siete gagliardi, arrivisti, cinici, materialistici, e credete di avere il mondo in pugno. Vi accorgerete che noi tutti, nella vita, siam destinati a prender dei pugni. Oh, la vita è proprio una pugnetta, un godimento effimero e poi ci lascia svuotati. Anziché affannarvi a far carriera, arricchite il vostro animo e coltivate valori sinceri. La vita acquisirà un gusto genuino, da leccarsi i baffi. Datemi retta, siate affamati dei sapori veraci!
– Ah, che ridere. Molto simpatico. Addio!

Ecco che entra di corsa un bambino. Avrà circa dodici anni.

– Ehi, bimbo. Dove corri così agitato?
– Lasciami stare!
– Che caratterino. Parla, ragazzo, che cosa ti è successo?
– Mio padre mi ha sgridato perché ho preso insufficiente in matematica. E mi ha messo in punizione.
– Qual è la punizione?
– Non uscire di casa coi miei amici.
– E allora che ci fai qui?
– Sono scappato!
– Ah! Ricorda, ragazzo, nella vita non importa avere una mente matematica. Conosco tanti ragionieri che ragionano col culo, e nel bene o nel male, che tu diventi scienziato o barbone, la vita ti presenterà un giorno il conto, bello o brutto che sia. E darai i numeri! Vai, ti pago io da bere. Barista? Una vodka per me e una fanta per il garçon! Il ragazzo è stato sciaguratamente sgridato e ora ha mal di pancia. Si deve rifare lo stomaco! E ricordati, ragazzo: se la prossima volta tuo padre, per una sciocchezza del genere, infrangerà la tua spensierata felicità, fagli una scoreggina in faccia. Lui ti darà qualche botta nel popò, è vero, ma avrà capito la lezione. Ah, fatti questa bevuta alla faccia sua!
– Certamente, signore.

Adesso, s’è fatta notte tarda, vi saluto amici, e alla prossima.

Stefano Falotico

L’uomo che voleva guardare le formiche

Photo by Vlad Tchompalov on Unsplash

Se ne stava al bar seduto al suo tavolo appartato.

Illuminato dal sole.

Solo.

Taciturno.

Aspetto elegante.

In giacca e camicia.

Con un bicchiere di limonata fresca in una mano.

Con la sigaretta in bocca e con la faccia indolente e rivolta verso il manto stradale.

Finiva di fumare e ricominciava daccapo. Una sigaretta tirava l’altra. Non la smetteva di fumare.

Guardava le formiche che vanno e vengono, si era imbambolato a guardarle ed era tranquillo e s’innervosiva solo quando una di loro si fermava. A quelle che si fermavano, col suo piede le puniva con sadismo schiacciandole. Quella mattina indossava i mocassini. Tipo stronzo, non c’è che dire.

Ad un certo punto fu costretto ad incrociare il suo sguardo con quello di un cristiano. Questo cristiano lo aveva salutato affettuosamente e lui, col sorrisino strozzato, era stato costretto a ricambiare pur non sapendo chi fosse né come si chiamasse. Il cristiano si era sentito in diritto di prendere posto al suo tavolo e lui aveva acconsentito senza dirgli la verità.

-Oh! Amico caro! Da quanto tempo! Come stai?
-Bene. Amico caro.
-Anch’io bene.
-Bene.
-Che stai facendo qua tutto solo e soletto?
-Guardo le formiche che vanno e vengono.
-Ah ah, sei simpatico.
-Grazie.
-Beh, che mi dici?
-Niente. Guardo le formiche. Che vanno e vengono.
-Ah ah, e dai, smettila. Che mi racconti?
-Studio.
-Studi? Qui al bar?
-Eh.
-E cosa studi?
-Le formiche.
-Le formiche?
-Le formiche.
-E perché le formiche?
-Faticano tutto il giorno. Lavorano tutto il giorno. Mai un giorno di ferie.
-E quindi?
-Mi affascinano e le studio.
-E quindi, se studi le formiche, di cosa ti occupi nella vita?
-Di cosa mi occupo?
-Sì.
-Sono uno scienziato.
-Complimenti! Bravo!
-Grazie.
-Laureato in?
-In Ingegneria Meccanica a Distanza.

Dentro di lui era nata una tristezza profonda. Era stato costretto ad imbattersi in uno sconosciuto, in un cristiano di cui non gli importava nulla. Eppure bastava poco. Bastava dirgli la verità, bastava dirgli che non lo conosceva e tutto sarebbe finito. Il cristiano sconosciuto se ne sarebbe andato, quella conversazione sarebbe terminata e lui avrebbe continuato a guardare le formiche che vanno e vengono.

-Quanti anni son passati…ah, la vita!
-La vita.
-Ti ricordi di Jessica? Te la ricordi?
-Aivoglia.
-Che puttanella, mamma mia! Te la ricordi che puttanella?
-Puttanella. Sì.
-E Franco, te lo ricordi? Quello che aveva l’autolavaggio. Quello che se la faceva con la cugina di Jessica. Quello con un coglione solo. Te lo ricordi?
-Mi ricordo tutto.
-Quanti anni son passati?
-Dillo tu.
-15?
-15.
-E sì. 15. Devo dirti che non sembri uno scienziato, eh eh, ah ah, senza offesa.
-E però lo sono e sono uno scienziato che si fa un mazzo così. Come quelle formiche che vanno e vengono.
-Ma scusa, cioè, che c’entra l’ingegneria meccanica a distanza con le formiche? Con le formiche che vanno e vengono?
-E’ complicato. Molto complicato. Ma un motivo c’è. Credimi. Mi credi? Ti fidi?
-Ti credo. Mi fido!
-E fai bene. Fidati sempre del tuo prossimo. E’ la prima regola.
-Anche il prete della mia parrocchia lo dice.
-E fa bene. E’ un bravo prete.
-Sì sì. Bravissimo.
-Immagino.
-Meh, oh, e allora niente, me ne sto andando. Ci vediamo.
-Ok.
-Tra poco devo andare a fare un servizio.
-E vai.
-Devo andare alla posta.
-…
-E poi devo andare a fare la spesa. Tra poco.
-Vai. Vai ora.
-Eh sì. E tu che mangi oggi?
-Non lo so.
-Mia moglie vuole fare pasta e cozze, a pranzo. Devo andare a prendere le cozze, quante cozze mi ha detto di prendere mia moglie?, mezzo chilo, sì, e poi cosa voleva, boh, non mi ricordo. Mannaggia alla testa, mannaggia. Mo’ la chiamo.
-Vai, prima. E poi la chiami.
-No. Aspetta un minuto. Ti voglio salutare perbene.
-Non importa. Devo lavorare.
-Aspè aspè… Filomè, Filomena!, cuore?, amore?, fiore?, ciao more!, oh che cosa devo prendere al supermercato? Eh… eh… ah!… e poi?… eh… eh… è vero! Me vabbè, a dopo, ciao ciao ciao more. Eccomi.
-Eccoti.
-Meh, oh, e allora niente, me ne sto andando.
-Ciao.
-E’ stato bello rincontrarti.
-Anche per me.
-E che fai dopo aver finito di lavorare studiando le formiche?
-Continuo a guardare.
-Che cosa?
-Le formiche.
-Sei un vero studioso. Non me l’aspettavo da te.
-Eh.
-E dove lavori di solito?
-A casa. Ho un mio studio. Superaccessoriato.
-Mo’, bellissimo. E che fai lì?
-Dalla finestra guardo le formiche che vanno e vengono e nel mio studio le studio.
-Mo’. Bestiale.
-Vai a comprare le cozze per tua moglie. Vai a fare la spesa. Vai a fare i tuoi servizi. Non voglio annoiarti. Qui ho tanto lavoro da fare.
-Hai ragione. Meh, e va bene, me ne sto andando.
-E vai.
-Ti auguro buon lavoro.
-Grazie.
-Ciao.
-Ciao.

Andrea Costanza